L’Scp batte il Medovolley e respira: è quasi salvo!

La vittoria vale l’aggancio in classifica all’ottavo posto. Dopo un avvio carico di tensione le limanesi dominano.

L’Scp Limana conquista agevolmente tre punti contro il Medovolley, lo aggancia in classifica all’ottavo posto e compie un passo importante verso la salvezza in Serie C femminile. Le limanesi approfittano della frenata da parte del New Volley Vicenza Est (sconfitto al tie-break dall’Arcella) per portarsi a tre lunghezze di vantaggio sulla zona playout.

Nelle ultime due giornate, dopo la sosta pasquale, le ragazze del presidente Tiziano Sommacal affronteranno prima il fanalino di coda Mareno in trasferta, poi proprio il Vicenza Est in casa. La corsa verso la salvezza è ancora aperta, ma le limanesi possono finalmente riprendere fiato.

Per il sestetto titolare coach Daniele De Gasperin scegli di affidarsi a Fiabane e Gava sulla diagonale palleggiatore – opposto, Sommacal e Bianchini al centro, Maschio e Cadorin sulle bande, Susanna è il primo libero, De Barba il secondo.

L’avvio di gara è degno degli incubi peggiori, per il Limana: il Mareno va subito sullo 0-5 e l’allenatore di casa non ha altra scelta che chiamare il time-out. Al ritorno in campo, invece, il Limana appare trasformato. Scrollatasi di dosso la tensione iniziale, la squadra targata Scp si lancia in una generosa rimonta e ribalta il set: raggiunte le avversarie sull’8-8 firmato dalla centrale Bianchini, tocca a Maschio realizzare il primo vantaggio delle bellunesi (9-8).

Dal -5 iniziale, il Limana, trascinato ancora da Gava e Maschio, si ritrova addirittura a +7 (16-9). Le ospiti provano a trovare le contromisure, ma Fiabane e compagne riescono ad avere in pugno il set ed una doppia fischiata alla compagine avversaria consegna al Limana il punto del 25-16.

Sulla scia del gran finale di primo set, il Limana si riconferma nei due successivi parziali. Il secondo set comincia favorevolmente. Limanesi subito sul +4: 15-11. Il Medovolley accorcia fino al -1, ma un buon finale di set di Cadorin (che prima realizza il 21-16, poi il 24-19) taglia le gambe al sestetto ospite.

A quel punto Barp rileva per qualche istante Fiabane al palleggio. Ma c’è ben poco spazio per lei, perché Gava, con uno schiaffo indifendibile, buca la difesa ospite e fissa il punteggio sul 25-21.

Nel terzo set le due squadre danzano sul filo dell’equilibrio fino al 18-18. L’ingresso di Dalla Cort (in banda al posto di Cadorin) porta qualche alternativa in più. Maschio e Sommacal rompono l’equilibrio (21-19).

Nel finale ci pensa un’Elisabetta Gava in formato super a chiudere la gara. L’opposto realizza quattro punti – dal 22-19 al 25-21 – e manda in archivio una partita ben giocata dal sestetto di casa.

Risultato finale: SCP VOLLEY LIMANA – MEDOVOLLEY BAAP 3-0

SCP VOLLEY LIMANA: Bianchini 8, Dalla Cort 2, De Barba (L2), Gava 14, Zago, Susanna (L1), Barp, Cadorin 7, Balbinot, Mares, Sommacal 3, Fiabane 2, Maschio 18.
Allenatore: De Gasperin.

MEDOVOLLEY: Della Casa 8, Casellato 4, Barbieri 6, Zaggia, Forzan 4, Tiso 3, Mozzato 7, Trevisan 6, Guariento, Griggio 1, Morbiato (L1), Nicolè (L2).
Allenatore: Matteo Negri.

Arbitro: Sergio Favrin di San Zenone degli Ezzelini.

Parziali: 25-16; 25-21; 25-21.

Note: ace 4-2; muri vincenti 1-2; errori battuta 10-9. Durata set: 22′, 27′, 25′. Presenti circa 60 spettatori.

INTERVISTE

De Gasperin: «Abbiamo reagito bene al 5-0 iniziale»

«Ho visto le ragazze molto concentrate e attente. Abbiamo giocato bene», spiega raggiante l’allenatore del Limana De Gasperin. «Abbiamo reagito al 5-0 iniziale, probabilmente dovuto a un po’ di tensione. Era una partita che le ragazze sentivano molto, ma una volta scrollata di dosso la tensione hanno disputato un’ottima gara. Le avversarie le hanno provate tutte, ma noi avevamo lavorato sui loro limiti e siamo riusciti a farli venire fuori». Ora gli ultimi due ostacoli, Mareno e New Volley: «Il Mareno è ultimo», conclude, «ma guai a sottovalutarlo. Il New Volley in questo girone di ritorno le ha vinte quasi tutte e ce la giocheremo con loro all’ultima giornata in uno scontro diretto». (n.p.)

Articolo di Nicola Pasuch

Start a Conversation

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.